This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit. By using this website you consent to our use of these cookies. Find out more about how we use cookies and how to manage them by reading ourCookie Policy OK

STUDIO SERGIO BUSSONE
DOTTORE COMMERCIALISTA - REVISORE CONTABILE

MANOVRA DI NATALE

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 300 del 27 Dicembre 2011 è stata pubblicata la legge n. 214 del 22 Dicembre 2011 di conversione, con modifiche, del Decreto Legge 6 Dicembre 2011 n. 201 recante “Disposizioni urgenti per la crescita, l’equità e il consolidamento dei conti pubblici”.

La seguente Circolare si sofferma solo sulle norme di maggiore rilevanza fiscale.

Art. 2 – IRAP

Prevista dal 2012 la totale deducibilità dell’IRAP sul costo del lavoro ai fini Ires e Irpef.

Quindi dal 2012 potrà essere dedotto dal reddito d’impresa un importo pari all’irap pagata e determinata sulla spesa per il personale dipendente.

Art. 4 – BONUS DEL 36%

Dal 1° gennaio 2012 il bonus del 36% per il recupero edilizio diventa permanente. Il tetto di spese resta fissato a € 48.000 per unità immobiliare e la detrazione va divisa in 10 anni (sparisce però la possibilità di reatezione abbreviata per i contribuenti oltre i 75 anni).

In caso di trasferimento dell’immobile, la detrazione passa all’acquirente, ma le parti possono pattuire in atto che resti al venditore.

Viene poi prorogata fino al 31 Dicembre 2012 la detrazione per la riqualificazione energetica degli edifici.

Dal 1° Gennaio 2013 le spese per il risparmio energetico potranno beneficiare del 36%.

Art. 10 – RATEIZZAZIONE RUOLI

Relativamente alla possibilità di rateizzare le somme iscritte a ruolo (massimo 72 rate), in ipotesi di temporanea situazione di obiettiva difficoltà del contribuente (articolo 19, comma 1, DPR 602/1973), viene concessa la possibilità, in caso di peggioramento della suddetta situazione, di prorogare ulteriormente la rateizzazione, una sola volta, fino ad altri 72 mesi, stabilendo anche rate variabili di importo crescente per ciascun anno.

Per le dilazioni già concesse, per le quali si è verificato il mancato pagamento della prima rata o di due rate successive alla prima, si può richiedere il prolungamento di un ulteriore periodo e fino a 72 mesi, a patto che il debitore provi un temporaneo peggioramento della situazione di difficoltà che è stata considerata per la prima dilazione.

Art. 11 – INFORMATIVA ALL’ANAGRAFE TRIBUTARIA

Dal 1° Gennaio 2012, gli operatori finanziari (Banche, Poste Italiane, etc) devono comunicare periodicamente all’Anagrafe Tributaria le movimentazioni che hanno interessato i rapporti, e ogni informazione relativa, necessaria per i controlli fiscali, nonché l’importo delle operazioni medesime.

Questa enorme mole di dati, archiviata nell’anagrafe dei conti, potrà essere utilizzata oltre che direttamente per i controlli anche per l’individuazione dei contribuenti a maggior rischio di evasione da sottoporre a controllo.

Art. 12 – RIDUZIONE DEL LIMITE PER LA TRACCIABILITA’ DEI PAGAMENTI A 1.000 EURO

L’adeguamento alla soglia dei mille euro per i trasferimenti di contante è già in vigore dal 6 dicembre scorso, mentre l’adeguamento dei libretti al portatore sarà da farsi entro il 31 marzo 2012.

Non saranno sanzionabili le violazioni a queste regole commesse nel periodo dal 6 dicembre 2011 al 31 gennaio 2012.

Art. 13 – IMU (IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA)

Debutta dal 1° Gennaio 2012 l’IMU (Imposta Municipale Propria), in sostituzione dell’ICI.

L’aliquota è allo 0,40% sulla prima casa (abitazione principale) e le pertinenze (al massimo una per tipo delle categorie C/2, C/6 e C/7).

È prevista una detrazione annua di 200 euro e un ulteriore detrazione di 50 euro per ogni figlio fino a 26 anni di età residente nell’abitazione principale.

Sugli altri immobili l’aliquota ordinaria è invece dello 0,76%.

Ai fini dell’applicazione di questa nuova imposta è stato aumentato il coefficiente di moltiplicazione della rendita catastale.

Art. 14 – RES

Dal 2013 entrerà in vigore la RES, ossia l’imposta che raggruppa la vecchia tassa o tariffa rifiuti (TARSU/TIA) e il nuovo tributo sui servizi comunali.

Art. 19 – IMPOSTA SUL VALORE DEGLI IMMOBILI SITUATI ALL’ESTERO

Dal 2011 le persone fisiche residenti che detengono immobili all’estero sono tenute al versamento di un’imposta sul valore degli stessi nella misura dello 0,76% annuo.

Se l’immobile è produttivo di reddito quest’ultimo sarà comunque incluso nell’Irpef ordinaria.

Il valore di riferimento è i costo d’acquisto documentato o il valore di mercato locale.

Laddove i beni all’estero siano costituiti da attività finanziarie queste ultime sono soggette ad un’imposta dell’1% per gli anni 2011 e 2012 elevata all’1,5% dal 2013 da conteggiarsi sul valore di mercato o in mancanza sul valore nominale o di rimborso.

Anche in questo caso resta ferma la tassazione Irpef dei relativi redditi prodotti.

In entrambe le situazioni viene concessa in deduzione l’eventuale imposta patrimoniale riscossa dallo Stato estero sui medesimi valori.

CIRCOLARI

DECRETO LEGGE “SOSTEGNI”

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 70 del 22 marzo 2021 è stato pubblicato il Decreto Legge 22 Marzo 2021 n. 41 “Misure Urgenti in materia di sostegno alle imprese e agli operatori economici, di lavoro, salute e servizi territoriali, connesse all’emergenza da COVID-19”

LEGGE DI BILANCIO 2021

Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2021 e bilancio pluriennale per il triennio 2021-2023

DECRETO “RISTORI-BIS”

Ulteriori misure urgenti in materia della tutela della salute, sostegno ai lavoratori e alle imprese e giustizia, connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19

CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO - “D.L. RILANCIO”.

DAL 15 GIUGNO 2020 E’ POSSIBILE INVIARE LA DOMANDA PER OTTENERE IL “CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO” PREVISTO DAL “D.L. RILANCIO”

CREDITO DI IMPOSTA PER I CANONI DI LOCAZIONE - D.L. “RILANCIO”

DAL 6 GIUGNO 2020 OPERATIVO IL CREDITO DI IMPOSTA PER I CANONI DI LOCAZIONE DEGLI IMMOBILI AD USO ABITATIVO E AFFITTO D’AZIENDA PREVISTO DAL D.L. “RILANCIO”.

SCADENZE

STUDIO SERGIO BUSSONE - DOTTORE COMMERCIALISTA - REVISORE CONTABILE 
10040 DRUENTO - Via Torino 60 - Tel. (011) 9845396 - Fax (011) 9846832
Codice Fiscale: BSSSRG55M05L629E - Partita IVA: 06239420018

This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit. By using this website you consent to our use of these cookies. Find out more about how we use cookies and how to manage them by reading ourCookie Policy OK